Logo

Η τελευταία γενική ακρόαση του Πάπα Βενεδίκτου (Αγγλικά-Ιταλικά)

Pope: final General Audience (full text)

2013-02-27 Vatican Radio

 

(Vatican Radio) Pope Benedict XVI held the final General Audience of his pontificate on Wednesday in St Peter's Square. Below, please find Vatican Radio's English translation of the Holy Father's remarks.

 

*********************************

Venerable Brothers in the Episcopate and in the Priesthood!

Distinguished Authorities!Dear brothers and sisters!

 

Thank you for coming in such large numbers to this last General Audience of my pontificate.

Like the Apostle Paul in the biblical text that we have heard, I feel in my heart the paramount duty to thank God, who guides the Church and makes her grow: who sows His Word and thus nourishes the faith in His people. At this moment my spirit reaches out to embrace the whole Church throughout the world, and I thank God for the “news” that in these years of Petrine ministry I have been able to receive regarding the faith in the Lord Jesus Christ, and the charity that circulates in the body of the Church – charity that makes the Church to live in love – and of the hope that opens for us the way towards the fullness of life, and directs us towards the heavenly homeland.

I feel I [ought to] carry everyone in prayer, in a present that is God’s, where I recall every meeting, every voyage, every pastoral visit. I gather everyone and every thing in prayerful recollection, in order to entrust them to the Lord: in order that we might have full knowledge of His will, with every wisdom and spiritual understanding, and in order that we might comport ourselves in a manner that is worthy of Him, of His, bearing fruit in every good work (cf. Col 1:9-10).

At this time, I have within myself a great trust [in God], because I know – all of us know – that the Gospel’s word of truth is the strength of the Church: it is her life. The Gospel purifies and renews: it bears fruit wherever the community of believers hears and welcomes the grace of God in truth and lives in charity. This is my faith, this is my joy.

When, almost eight years ago, on April 19th, [2005], I agreed to take on the Petrine ministry, I held steadfast in this certainty, which has always accompanied me. In that moment, as I have already stated several times, the words that resounded in my heart were: “Lord, what do you ask of me? It a great weight that You place on my shoulders, but, if You ask me, at your word I will throw out the nets, sure that you will guide me” – and the Lord really has guided me. He has been close to me: daily could I feel His presence. [These years] have been a stretch of the Church’s pilgrim way, which has seen moments joy and light, but also difficult moments. I have felt like St. Peter with the Apostles in the boat on the Sea of ​​Galilee: the Lord has given us many days of sunshine and gentle breeze, days in which the catch has been abundant; [then] there have been times when the seas were rough and the wind against us, as in the whole history of the Church it has ever been - and the Lord seemed to sleep. Nevertheless, I always knew that the Lord is in the barque, that the barque of the Church is not mine, not ours, but His - and He shall not let her sink. It is He, who steers her: to be sure, he does so also through men of His choosing, for He desired that it be so. This was and is a certainty that nothing can tarnish. It is for this reason, that today my heart is filled with gratitude to God, for never did He leave me or the Church without His consolation, His light, His love.

We are in the Year of Faith, which I desired in order to strengthen our own faith in God in a context that seems to push faith more and more toward the margins of life. I would like to invite everyone to renew firm trust in the Lord. I would like that we all, entrust ourselves as children to the arms of God, and rest assured that those arms support us and us to walk every day, even in times of struggle. I would like everyone to feel loved by the God who gave His Son for us and showed us His boundless love. I want everyone to feel the joy of being Christian. In a beautiful prayer to be recited daily in the morning says, “I adore you, my God, I love you with all my heart. I thank You for having created me, for having made me a Christian.” Yes, we are happy for the gift of faith: it is the most precious good, that no one can take from us! Let us thank God for this every day, with prayer and with a coherent Christian life. God loves us, but He also expects that we love Him!

At this time, however, it is not only God, whom I desire to thank. A Pope is not alone in guiding St. Peter’s barque, even if it is his first responsibility – and I have not ever felt myself alone in bearing either the joys or the weight of the Petrine ministry. The Lord has placed next to me many people, who, with generosity and love for God and the Church, have helped me and been close to me. First of all you, dear Brother Cardinals: your wisdom, your counsels, your friendship, were all precious to me. My collaborators, starting with my Secretary of State, who accompanied me faithfully over the years, the Secretariat of State and the whole Roman Curia, as well as all those who, in various areas, give their service to the Holy See: the many faces which never emerge, but remain in the background, in silence, in their daily commitment, with a spirit of faith and humility. They have been for me a sure and reliable support. A special thought [goes] to the Church of Rome, my diocese! I can not forget the Brothers in the Episcopate and in the Priesthood, the consecrated persons and the entire People of God: in pastoral visits, in public encounters, at Audiences, in traveling, I have always received great care and deep affection; I also loved each and every one, without exception, with that pastoral charity which is the heart of every shepherd, especially the Bishop of Rome, the Successor of the Apostle Peter. Every day I carried each of you in my prayers, with the father's heart.

I wish my greetings and my thanks to reach everyone: the heart of a Pope expands to [embrace] the whole world. I would like to express my gratitude to the Diplomatic Corps accredited to the Holy See, which makes present the great family of nations. Here I also think of all those who work for good communication, whom I thank for their important service.

At this point I would like to offer heartfelt thanks to all the many people throughout the whole world, who, in recent weeks have sent me moving tokens of concern, friendship and prayer. Yes, the Pope is never alone: now I experience this [truth] again in a way so great as to touch my very heart. The Pope belongs to everyone, and so many people feel very close to him. It’s true that I receive letters from the world's greatest figures - from the Heads of State, religious leaders, representatives of the world of culture and so on. I also receive many letters from ordinary people who write to me simply from their heart and let me feel their affection, which is born of our being together in Christ Jesus, in the Church. These people do not write me as one might write, for example, to a prince or a great figure one does not know. They write as brothers and sisters, sons and daughters, with the sense of very affectionate family ties. Here, one can touch what the Church is – not an organization, not an association for religious or humanitarian purposes, but a living body, a community of brothers and sisters in the Body of Jesus Christ, who unites us all. To experience the Church in this way and almost be able to touch with one’s hands the power of His truth and His love, is a source of joy, in a time in which many speak of its decline.

In recent months, I felt that my strength had decreased, and I asked God with insistence in prayer to enlighten me with His light to make me take the right decision – not for my sake, but for the good of the Church. I have taken this step in full awareness of its severity and also its novelty, but with a deep peace of mind. Loving the Church also means having the courage to make difficult, trying choices, having ever before oneself the good of the Church and not one’s own.

Here allow me to return once again to April 19, 2005. The gravity of the decision was precisely in the fact that from that moment on I was committed always and forever by the Lord. Always – he, who assumes the Petrine ministry no longer has any privacy. He belongs always and totally to everyone, to the whole Church. His life is, so to speak, totally deprived of the private sphere. I have felt, and I feel even in this very moment, that one receives one’s life precisely when he offers it as a gift. I said before that many people who love the Lord also love the Successor of Saint Peter and are fond of him, that the Pope has truly brothers and sisters, sons and daughters all over the world, and that he feels safe in the embrace of their communion, because he no longer belongs to himself, but he belongs to all and all are truly his own.

The “always” is also a “forever” - there is no returning to private life. My decision to forgo the exercise of active ministry, does not revoke this. I do not return to private life, to a life of travel, meetings, receptions, conferences and so on. I do not abandon the cross, but remain in a new way near to the Crucified Lord. I no longer wield the power of the office for the government of the Church, but in the service of prayer I remain, so to speak, within St. Peter’s bounds. St. Benedict, whose name I bear as Pope, shall be a great example in this for me. He showed us the way to a life which, active or passive, belongs wholly to the work of God.

I thank each and every one of you for the respect and understanding with which you have welcomed this important decision. I continue to accompany the Church on her way through prayer and reflection, with the dedication to the Lord and to His Bride, which I have hitherto tried to live daily and that I would live forever. I ask you to remember me before God, and above all to pray for the Cardinals, who are called to so important a task, and for the new Successor of Peter, that the Lord might accompany him with the light and the power of His Spirit.

Let us invoke the maternal intercession of Mary, Mother of God and of the Church, that she might accompany each of us and the whole ecclesial community: to her we entrust ourselves, with deep trust.

Dear friends! God guides His Church, maintains her always, and especially in difficult times. Let us never lose this vision of faith, which is the only true vision of the way of the Church and the world. In our heart, in the heart of each of you, let there be always the joyous certainty that the Lord is near, that He does not abandon us, that He is near to us and that He surrounds us with His love. Thank you!

- See more at: http://www.news.va/en/news/pope-final-general-audience-full-text#sthash.KfPuY7Pe.dpuf

 

 


 

BENEDETTO XVI

UDIENZA GENERALE

Piazza San Pietro
Mercoledì, 27 febbraio 2013

 

 

Venerati Fratelli nell’Episcopato e nel Presbiterato!
Distinte Autorità!
Cari fratelli e sorelle!

Vi ringrazio di essere venuti così numerosi a questa mia ultima Udienza generale.

Grazie di cuore! Sono veramente commosso! E vedo la Chiesa viva! E penso che dobbiamo anche dire un grazie al Creatore per il tempo bello che ci dona adesso ancora nell’inverno.

Come l’apostolo Paolo nel testo biblico che abbiamo ascoltato, anch’io sento nel mio cuore di dover soprattutto ringraziare Dio, che guida e fa crescere la Chiesa, che semina la sua Parola e così alimenta la fede nel suo Popolo. In questo momento il mio animo si allarga ed abbraccia tutta la Chiesa sparsa nel mondo; e rendo grazie a Dio per le «notizie» che in questi anni del ministero petrino ho potuto ricevere circa la fede nel Signore Gesù Cristo, e della carità che circola realmente nel Corpo della Chiesa e lo fa vivere nell’amore, e della speranza che ci apre e ci orienta verso la vita in pienezza, verso la patria del Cielo.

Sento di portare tutti nella preghiera, in un presente che è quello di Dio, dove raccolgo ogni incontro, ogni viaggio, ogni visita pastorale. Tutto e tutti raccolgo nella preghiera per affidarli al Signore: perché abbiamo piena conoscenza della sua volontà, con ogni sapienza e intelligenza spirituale, e perché possiamo comportarci in maniera degna di Lui, del suo amore, portando frutto in ogni opera buona (cfr Col 1,9-10).

In questo momento, c’è in me una grande fiducia, perché so, sappiamo tutti noi, che la Parola di verità del Vangelo è la forza della Chiesa, è la sua vita. Il Vangelo purifica e rinnova, porta frutto, dovunque la comunità dei credenti lo ascolta e accoglie la grazia di Dio nella verità e nella carità. Questa è la mia fiducia, questa è la mia gioia.

Quando, il 19 aprile di quasi otto anni fa, ho accettato di assumere il ministero petrino, ho avuto la ferma certezza che mi ha sempre accompagnato: questa certezza della vita della Chiesa dalla Parola di Dio. In quel momento, come ho già espresso più volte, le parole che sono risuonate nel mio cuore sono state: Signore, perché mi chiedi questo e che cosa mi chiedi? E’ un peso grande quello che mi poni sulle spalle, ma se Tu me lo chiedi, sulla tua parola getterò le reti, sicuro che Tu mi guiderai, anche con tutte le mie debolezze. E otto anni dopo posso dire che il Signore mi ha guidato, mi è stato vicino, ho potuto percepire quotidianamente la sua presenza. E’ stato un tratto di cammino della Chiesa che ha avuto momenti di gioia e di luce, ma anche momenti non facili; mi sono sentito come san Pietro con gli Apostoli nella barca sul lago di Galilea: il Signore ci ha donato tanti giorni di sole e di brezza leggera, giorni in cui la pesca è stata abbondante; vi sono stati anche momenti in cui le acque erano agitate ed il vento contrario, come in tutta la storia della Chiesa, e il Signore sembrava dormire. Ma ho sempre saputo che in quella barca c’è il Signore e ho sempre saputo che la barca della Chiesa non è mia, non è nostra, ma è sua. E il Signore non la lascia affondare; è Lui che la conduce, certamente anche attraverso gli uomini che ha scelto, perché così ha voluto. Questa è stata ed è una certezza, che nulla può offuscare. Ed è per questo che oggi il mio cuore è colmo di ringraziamento a Dio perché non ha fatto mai mancare a tutta la Chiesa e anche a me la sua consolazione, la sua luce, il suo amore.

Siamo nell’Anno della fede, che ho voluto per rafforzare proprio la nostra fede in Dio in un contesto che sembra metterlo sempre più in secondo piano. Vorrei invitare tutti a rinnovare la ferma fiducia nel Signore, ad affidarci come bambini nelle braccia di Dio, certi che quelle braccia ci sostengono sempre e sono ciò che ci permette di camminare ogni giorno, anche nella fatica. Vorrei che ognuno si sentisse amato da quel Dio che ha donato il suo Figlio per noi e che ci ha mostrato il suo amore senza confini. Vorrei che ognuno sentisse la gioia di essere cristiano. In una bella preghiera da recitarsi quotidianamente al mattino si dice: «Ti adoro, mio Dio, e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano…». Sì, siamo contenti per il dono della fede; è il bene più prezioso, che nessuno ci può togliere! Ringraziamo il Signore di questo ogni giorno, con la preghiera e con una vita cristiana coerente. Dio ci ama, ma attende che anche noi lo amiamo!

Ma non è solamente Dio che voglio ringraziare in questo momento. Un Papa non è solo nella guida della barca di Pietro, anche se è la sua prima responsabilità. Io non mi sono mai sentito solo nel portare la gioia e il peso del ministero petrino; il Signore mi ha messo accanto tante persone che, con generosità e amore a Dio e alla Chiesa, mi hanno aiutato e mi sono state vicine. Anzitutto voi, cari Fratelli Cardinali: la vostra saggezza, i vostri consigli, la vostra amicizia sono stati per me preziosi; i miei Collaboratori, ad iniziare dal mio Segretario di Stato che mi ha accompagnato con fedeltà in questi anni; la Segreteria di Stato e l’intera Curia Romana, come pure tutti coloro che, nei vari settori, prestano il loro servizio alla Santa Sede: sono tanti volti che non emergono, rimangono nell’ombra, ma proprio nel silenzio, nella dedizione quotidiana, con spirito di fede e umiltà sono stati per me un sostegno sicuro e affidabile. Un pensiero speciale alla Chiesa di Roma, la mia Diocesi! Non posso dimenticare i Fratelli nell’Episcopato e nel Presbiterato, le persone consacrate e l’intero Popolo di Dio: nelle visite pastorali, negli incontri, nelle udienze, nei viaggi, ho sempre percepito grande attenzione e profondo affetto; ma anch’io ho voluto bene a tutti e a ciascuno, senza distinzioni, con quella carità pastorale che è il cuore di ogni Pastore, soprattutto del Vescovo di Roma, del Successore dell’Apostolo Pietro. Ogni giorno ho portato ciascuno di voi nella preghiera, con il cuore di padre.

Vorrei che il mio saluto e il mio ringraziamento giungesse poi a tutti: il cuore di un Papa si allarga al mondo intero. E vorrei esprimere la mia gratitudine al Corpo diplomatico presso la Santa Sede, che rende presente la grande famiglia delle Nazioni. Qui penso anche a tutti coloro che lavorano per una buona comunicazione e che ringrazio per il loro importante servizio.

A questo punto vorrei ringraziare di vero cuore anche tutte le numerose persone in tutto il mondo, che nelle ultime settimane mi hanno inviato segni commoventi di attenzione, di amicizia e di preghiera. Sì, il Papa non è mai solo, ora lo sperimento ancora una volta in un modo così grande che tocca il cuore. Il Papa appartiene a tutti e tantissime persone si sentono molto vicine a lui. E’ vero che ricevo lettere dai grandi del mondo – dai Capi di Stato, dai Capi religiosi, dai rappresentanti del mondo della cultura eccetera. Ma ricevo anche moltissime lettere da persone semplici che mi scrivono semplicemente dal loro cuore e mi fanno sentire il loro affetto, che nasce dall’essere insieme con Cristo Gesù, nella Chiesa. Queste persone non mi scrivono come si scrive ad esempio ad un principe o ad un grande che non si conosce. Mi scrivono come fratelli e sorelle o come figli e figlie, con il senso di un legame familiare molto affettuoso. Qui si può toccare con mano che cosa sia Chiesa – non un’organizzazione, un’associazione per fini religiosi o umanitari, ma un corpo vivo, una comunione di fratelli e sorelle nel Corpo di Gesù Cristo, che ci unisce tutti. Sperimentare la Chiesa in questo modo e poter quasi toccare con le mani la forza della sua verità e del suo amore, è motivo di gioia, in un tempo in cui tanti parlano del suo declino. Ma vediamo come la Chiesa è viva oggi!

In questi ultimi mesi, ho sentito che le mie forze erano diminuite, e ho chiesto a Dio con insistenza, nella preghiera, di illuminarmi con la sua luce per farmi prendere la decisione più giusta non per il mio bene, ma per il bene della Chiesa. Ho fatto questo passo nella piena consapevolezza della sua gravità e anche novità, ma con una profonda serenità d’animo. Amare la Chiesa significa anche avere il coraggio di fare scelte difficili, sofferte, avendo sempre davanti il bene della Chiesa e non se stessi.

Qui permettetemi di tornare ancora una volta al 19 aprile 2005. La gravità della decisione è stata proprio anche nel fatto che da quel momento in poi ero impegnato sempre e per sempre dal Signore. Sempre – chi assume il ministero petrino non ha più alcuna privacy. Appartiene sempre e totalmente a tutti, a tutta la Chiesa. Alla sua vita viene, per così dire, totalmente tolta la dimensione privata. Ho potuto sperimentare, e lo sperimento precisamente ora, che uno riceve la vita proprio quando la dona. Prima ho detto che molte persone che amano il Signore amano anche il Successore di san Pietro e sono affezionate a lui; che il Papa ha veramente fratelli e sorelle, figli e figlie in tutto il mondo, e che si sente al sicuro nell’abbraccio della vostra comunione; perché non appartiene più a se stesso, appartiene a tutti e tutti appartengono a lui.

Il “sempre” è anche un “per sempre” - non c’è più un ritornare nel privato. La mia decisione di rinunciare all’esercizio attivo del ministero, non revoca questo. Non ritorno alla vita privata, a una vita di viaggi, incontri, ricevimenti, conferenze eccetera. Non abbandono la croce, ma resto in modo nuovo presso il Signore Crocifisso. Non porto più la potestà dell’officio per il governo della Chiesa, ma nel servizio della preghiera resto, per così dire, nel recinto di san Pietro. San Benedetto, il cui nome porto da Papa, mi sarà di grande esempio in questo. Egli ci ha mostrato la via per una vita, che, attiva o passiva, appartiene totalmente all’opera di Dio.

Ringrazio tutti e ciascuno anche per il rispetto e la comprensione con cui avete accolto questa decisione così importante. Io continuerò ad accompagnare il cammino della Chiesa con la preghiera e la riflessione, con quella dedizione al Signore e alla sua Sposa che ho cercato di vivere fino ad ora ogni giorno e che vorrei vivere sempre. Vi chiedo di ricordarmi davanti a Dio, e soprattutto di pregare per i Cardinali, chiamati ad un compito così rilevante, e per il nuovo Successore dell’Apostolo Pietro: il Signore lo accompagni con la luce e la forza del suo Spirito.

Invochiamo la materna intercessione della Vergine Maria Madre di Dio e della Chiesa perché accompagni ciascuno di noi e l’intera comunità ecclesiale; a Lei ci affidiamo, con profonda fiducia.

Cari amici! Dio guida la sua Chiesa, la sorregge sempre anche e soprattutto nei momenti difficili. Non perdiamo mai questa visione di fede, che è l’unica vera visione del cammino della Chiesa e del mondo. Nel nostro cuore, nel cuore di ciascuno di voi, ci sia sempre la gioiosa certezza che il Signore ci è accanto, non ci abbandona, ci è vicino e ci avvolge con il suo amore. Grazie!

 

cen.gr 2016